la tragedia della porta della Valconca

received_1668892113395901

  Quando si parla di bilanci comunali,  si va incontro alla solita tragedia greca con una rappresentazione diretta della realtà, in cui il pubblico può vedere con i propri occhi i personaggi che agiscono, ciascuno con una propria caratterizzazione psicologica, proprio perche la tragedia nacque dall'improvvisazione!

Lo abbiamo, riscontrato in un Consiglio comunale, dove il Sindaco marignanese  (ma in scena poteva esserci qualsiasi altro Sindaco, blasonato o no di stampo PD), incalzato da un consigliere d’opposizione si è lasciato scappare, da perfetto attore, una frase del tipo:”Insomma, ma cosa dobbiamo fare per questi soldi ? Andare a casa e bussargli alla porta ?

Una risposta così improvvisata, farebbe pensare a un primo cittadino che ha a cuore la situazione disagiata in cui si trovano molte famiglie nel Comune, purtroppo  però le parole sono  più crudeli della verità.

Infatti il contenzioso verteva sul mancato  versamento dell’imposta sulla annosa questione del Compartone dove il revisore faceva osservare che  “le somme di  €. 857.802,77:, ancorché accertate a carico della SRL Nuova San Giovanni per ICI ed IMU, saranno difficilmente incassate; infatti il contribuente non ha mai pagato le ingiunzioni ricevute e la Sorit Spa, agente di riscossione, ha dovuto accendere ipoteche sui beni di proprietà della predetta Srl, a garanzia dei crediti del Comune, ma i beni ipotecati saranno poi difficilmente alienabili, trattandosi di aree”.

Ci si chiede come si possa esser arrivati a questo paradosso orwelliano  di cittadini più uguali di altri :” il contribuente non ha mai pagato le ingiunzioni“.

Pensiamo ora per assurdo se un semplice contribuente non corrispondesse quanto dovuto alle casse comunali, e cosa succederebbe.  Qui ci troviamo davanti a una difesa d’ufficio del primo cittadino, verso “alcuni”, che non sapendo che  pesci pigliare cerca di annaspare, ammucchiare,tergiversare e tutti gli “are” che possiamo trovare.

Ma da dove nasce, allora il “mito” della disparità ? Sicuramente dal fallimento di una opposizione vigili e garante, del bene comune . Perchè si sa, chi più potere ha, peggio fa!

Le radici di questo “sistema”nacquero  già negli anni ’60 fino a diventare un vero e proprio modus operandi, per cui l’opposizione sedeva proprio lì perchè potesse trovare terreno fertile di spartizione con la maggioranza o per meglio dire , la maggioranza ha esteso alla opposizione  la possibiltà di diventare la migliore  amica di merende di sempre.

Ora da qualche anno è avvenuta la rivoluzione copernicana: ci sono cittadini all’opposizione , non più disposti a stare a guadare , ma ad entrare anche a gamba tesa nella “res publica”.  Di contro troviamo amministratori abituati ai vecchi clichè, impreparati a queste nuove  visioni così poco ortodosse , di cittadini, additati dalla stessa maggioranza come “orde di lupi” , che non  sono  più in  coda allo sportello  “favoritismi”, semmai a quello di “spiegazioni”.

Per cui mi sento di dare  un consiglio spassionato al Primo cittadino : “sì, che si vada a bussare alla porta e se non si riceve risposta, che si chiamino pure i pompieri. E se accadesse il contrario almeno che si faccia valere,caro sindaco”.

Buon 2016 a tutti, ai belli e ai brutti .

L’INNOMINATO

Annunci