I nuovi amici (?)

Chi sono i “nuovi amici” di Raffaelli e Morrone? Non certo leghisti

Succede che la mattina di martedì 20 ottobre 2020, Elena Raffaelli, parlamentare della Lega riminese, pubblica una foto di gruppo sul proprio profilo Facebook.

Foto di una cena qualsiasi, si direbbe. L’apparenza, si sa, inganna. E qualche elettore deluso della Lega (locale) inizia a segnalarci qualche volto.

“Una gran bella serata ed un’ottima compagnia ieri sera a Montefiore Conca insieme a tanti nuovi amici! Bella energia, entusiasmo e progetti per il futuro di uno dei più bei borghi d’Italia. Avanti insieme”, recita il post dell’Onorevole riccionese su Facebook. In foto appare lei e il deputato e segretario leghista romagnolo Jacopo Morrone, assieme a niente popò di meno che la nuova giunta di Montefiore Conca.

Anche l’On forlivese celebra la serata sui social: “Montefiore è uno dei borghi più belli della collina riminese, ricco d’identità e tradizione. A guidarlo un sindaco e una giunta giovane, piena di idee e di progetti per il futuro della propria comunità! Grazie al primo cittadino Filippo Sica per l’ospitalità”, senza far mancare l’immancabile hashtag finale #LegaRomagna e #LegaRimini

A questo punto la domanda sorge spontanea all’elettore deluso: “che ci fanno gli onorevoli leghisti con coloro che hanno sconfitto alle ultime amministrative la lista sostenuta dalla Lega, naturale proseguimento della giunta della militante leghista ed ex sindaco di Montefiore Vallì Cipriani?

Elena Raffaelli parla di “tanti nuovi amici”, di “energia, entusiasmo”. Testuali parole: “Avanti insieme”. Dal canto suo Jacopo Morrone, entusiasta, rimarca lo stesso incoraggiamento: “Una giunta giovane, piena di idee e di progetti per il futuro”.

Andiamo a scoprire con i nostri occhi chi sono questi “nuovi amici” e quali sono le idee di questa giunta giovane. Partiamo quindi dal più giovane della giunta, il Vicesindaco Francesco Taini, classe 1991, in foto a braccetto proprio con Elena Raffaelli. Eccovi una breve carrellata del Taini pensiero verso l’on. Salvini referente polito di Morrone e Raffaelli, apparsa sul profilo sul profilo FB.

Sarebbe da chiedere se sono davvero questi i “nuovi amici” di cui parla Elena Raffaelli. Sarebbe da chiedere a Morrone se sono queste le idee “della giunta giovane” a cui si riferiva. Perché, l’elettore deluso che ci ha contatto, ci ha segnalato solo una quantità industriale di odio sparso contro Matteo Salvini. Evidente, no?

Il 3 gennaio di quest’anno, sempre il vicesindaco Taini ci fornisce un’altra perla.

Sempre restando sul tema regionale, il protagonista della giunta giovane, non si poneva chiaramente problemi a farsi ritrarre in foto con l’attuale Presidente dell’Assemblea Legislativa del Partito Democratico, Emma Petitti durante la sua campagna elettorale. La stessa Emma nella foto parlava serenamente di “nostri amministratori della Valconca”. Insomma, era un segreto di Pulcinella la sua vicinanza politica ad una determinata area politica.

Il 16 Gennaio, il “nuovo amico” Taini, chiosava sempre sui social con questo post, di certo non amorevole verso la candidata della Lega

Arrivati a questo punto, l’elettore deluso si chiede come mai tanto entusiasmo nei confronti di questa nuova amministrazione di Montefiore, quando, proprio fino al 2019, vi era la Lega al governo della città che fu poi sconfitta proprio dall’attuale giunta, come ci ricorda lo stesso ormai celebre  Vicesindaco Taini, proprio il giorno seguente alle elezioni comunali?

Il 27 maggio 2019, scriveva: “Vittoria STORICA” e in allegato l’articolo “Elezioni Montefiore Conca. La lega perde il comune”.

Perché prima si sostiene una determinata lista e poi un anno dopo si va a cena, addirittura con foto celebrativa, proprio assieme ai protagonisti della lista avversaria contro cui si ha perso?

Domanda lecita che l’elettore deluso della Lega (locale) si pone, poiché vorrebbe risposte, soprattutto dai 2 rappresentanti onorevoli della Lega.

Qualcuno non si spiega come mai oggi si chiamino “amici” coloro che hanno sempre combattuto le idee del Carroccio. A partire dal Vicesindaco che  definisce Salvini “Merda, ignorante, ridicolo, fannullone, sciacallo” e chi più ne ha, più ne metta. Chi si è speso da sempre per la Lega a Montefiore, era a conoscenza di questa cena? Ci piacerebbe scoprirlo. A questo punto, ci viene da supporre che i delusi siano in tanti dopo questa storia

P.s. la mascherina va tenuta sempre non a foto alterne.

The Avengers

Il ritorno di Don Camillo

Tanto tempo fa, tra i paesi della Bassa, girava una storiella che diceva così… Un giorno arrivò a casa il figlioletto trafelato che chiese al babbo: “Babbo, babbo… ma è vero che i somari volano?” E il padre: “Sgrazied, chi ti ha raccontato questa patacata?” Il figliolo replicò: “Ma babbo, c’è scritto sull’Unità!” A quel punto il padre aggiunse prontamente: “Volano? … Svolazzano!” Questo per dire quanto fosse grande a quei tempi la fede nel Partito, che non poteva essere che quello comunista. Anche oggi la storiella si ripete. Prendiamo il Comune di S. Giovanni in Marignano, Continua a leggere

Dieci Piccoli Indiani

“Dieci piccoli indiani” recitava alcuni giorni fa un trafiletto del Resto del Carlino a proposito della situazione ormai ingestibile venutasi a creare nell’Unione della Valconca.

Dopo la nomina del neo presidente Grilli preceduta da una serie di dimissioni a catena degli altri sindaci dei Comuni facenti parte dell’Unione, il primo Consiglio utile è stato rinviato per mancanza di numero legale (alla terza riunione è stato finalmente approvato l’assestamento di bilancio n.d.r.).

Purtroppo, come riportato anche dai relativi organi di stampa, ci sono di conseguenza lavoratori che rischiano di perdere le prospettive di futuro, ma se un ente non funziona nel modo per cui era stato concepito bisognerà prenderne atto e trovare delle soluzioni a riguardo, senza che queste pesino sulle spalle di tutti i cittadini.

Forse alcuni dei problemi sono indicati nella dichiarazione della Giunta Comunale di Morciano (http://www.chiamamicitta.it/la-giunta-comunale-morciano-interviene-sul-tema-dellunione-valconca/) dove pensiamo sia indicata anche parte della soluzione per veder risorgere concretamente l’Unione della Valconca: “E’ evidente che un processo di ammodernamento e revisione non può essere più rimandato. Anche riconsiderando il posizionamento dell’Unione, le sue competenze, la dimensione, il rapporto con gli altri Comuni di Rimini sud i quali, tutti di dimensioni superiori ai 10.000 abitanti, possono integrarsi e colloquiare per un miglioramento complessivo dei servizi da darsi ai cittadini.”

A quali comuni farà riferimento la Giunta Ciotti con questa dichiarazione.. Cattolica? Comune costiero di fronte alla Valconca. Coriano? Abbastanza defilato rispetto alla Valconca, oppure San Giovanni in Marignano, con una popolazione di circa 10.000 abitanti proprio all’inizio della Valle del Conca?

San Giovanni in Marignano sembra essere uno dei candidati ideali per poter permettere all’Unione di fare quel salto di qualità dimensionale utile per dare un senso all’esistenza dell’Unione stessa, a maggior ragione considerando la sua posizione territoriale, una sorta di “perno strategico” di collegamento fra Comuni. Ma mentre succede tutto questo dall’amministrazione Morelli arriva solo un silenzio di tomba, nessuna dichiarazione come se quello che succede nei Comuni limitrofi non interessasse, come se il futuro fosse rivolto verso altri orizzonti non meglio definiti e che dopo più di 4 anni non hanno prodotto alcun beneficio concreto per i cittadini marignanesi.

La situazione è seria anche se non percepita nella sua gravità dalla maggior parte degli abitanti, così mentre dai nostri vicini arrivano segnali di apertura per una nuova visione di Unione, da noi si continua a giocare a nascondino.. Sempre che non siano andati tutti al mare a Riccione.

@lightmyfire